Creare blog WordPress: come farlo nel modo migliore

Creare blog WordPress: come farlo nel modo migliore

1432
1
CONDIVIDI

Prima di entrare nel vivo con questo articolo e spiegarvi come e perché creare blog WordPress, forse sarebbe giusto che voi sappiate in primis che questo CMS è al giorno d’oggi uno dei più amati ed utilizzati, anche da persone che non hanno alcuna dimestichezza con codici Html e programmazione in generale. CMS sta per Content Management System, vale a dire una piattaforma che permette di creare dal nulla un sito web o blog atto ad ospitare ogni vostra idea, dove non mancheranno affatto le pagine, sezioni ed articoli che sarete voi stessi ad inserire giorno dopo giorno.

Il bello di questa piattaforma è che essa è completamente gratuita ed utilizzata anche da aziende blasonate del commercio online, oppure dell’intrattenimento, proprio perché riesce a fornire un valido aiuto e soddisfare un pubblico sempre più vasto ed esigente.

Ad oggi esistono due strade strettamente legate a questa piattaforma, vale a dire appoggiarsi a WordPress.com oppure a WordPress.org; la scelta varierà in base a quelle che sono le reali esigenze dell’utilizzatore, ma è bene conoscere almeno le differenze, in modo da avere sin da subito le idee ben chiare e non perdere tempo inutilmente.

Differenza tra WordPress.org e WordPress.com

Questo è il primo dei 5 aspetti da tenere ben a mente, cerco dunque di illustrare per al meglio i pro ed i contro di queste possibili scelte.

WordPress.com: con questo CMS puoi iniziare a creare il tuo sito personale sin da subito; tutto quello che dovrai fare non sarà altro che iscriverti dalla pagina principale wordpress ed in pochi istanti la tua avventura ti apparirà davvero magnifica, il tutto senza spendere nemmeno un Euro!

Il tuo sito da quel momento sarà un terzo livello, vale a dire che il suo dominio sarà del tipo iltuosito. wordpress. com anziché www.iltuosito.com, ma poco importa, perché in fin dei conti, per iniziare potrebbe essere una scelta giusta, in questo modo l’utente avrà già modo di studiare la piattaforma in quelli che sono i suoi aspetti principali, apportando modifiche e personalizzazioni qua e là, fin dove la piattaforma free glie lo permetterà.

Tenete però a mente che un’attività di blogging può partire già da qui, per chi non ha pretese esagerate e vuole crescere nel tempo, infatti, si possono scrivere articoli, organizzare pagine e categorie, ma chiaramente vi saranno anche delle limitazioni che a breve andrò ad analizzare.

WordPress.org: in questo caso il procedimento è differente, così come anche i costi; si comincia con lo scaricare la piattaforma direttamente dalla pagina WordPress ma fate ben attenzione ad effettuare il download della versione italiana!

Questo è solo il primo passo, successivamente dovrete acquistare un Hosting ed un Dominio, ma fate molta attenzione, perché al giorno d’oggi sul web sono presenti tantissime realtà che offrono proprio servizi di questo tipo, a prezzi, pacchetti e caratteristiche differenti.

Come dicevo in precedenza, la scelta può variare da persona a persona, ma state pur certi che in ambo i casi sarete pronti a creare blog WordPress senza alcun problema; importante sarà, però, anche capire quali sono i pro ed i contro di queste opzioni, motivo per cui, cercherò adesso di analizzarle, offrendo a tutti voi un prospetto ancor più chiaro.

WordPress.com

Come creare blog WordPressAspetti Positivi:

  • Registrazione Gratuita: senza spendere nemmeno un Euro potrete effettuare la registrazione iniziale ed in poco tempo sarete già pronti a dar vita al vostro spazio personale.
  • Semplicità: devo ammetterlo, per chi si avvicina per la prima volta a questo mondo, potrebbe rivelarsi la scelta più azzeccata, almeno per prender confidenza con la piattaforma, la quale risulta essere incredibilmente semplice ed intuitiva, merito anche delle funzionalità ridotte, che ovviamente per chi pretende il massimo rappresentano un chiaro limite.

Aspetti Negativi:

  • Poche Funzionalità: ebbene si, rispetto alla versione completa le funzioni sono limitate e questo rappresenta ovviamente un problema serio.
  • Problema Plugins: essendo una versione gratuita essa non permette l’installazione di plugins, ma chiaramente ne offre alcuni già preimpostati, considerati essenziali.
  • Temi limitati: non si avrà un catalogo davvero incredibile, ma al contrario esso appare alquanto scarno e si potrà scegliere un solo tema tra i 200 messi a disposizione.
  • Dimenticatevi la pubblicità: se ad esempio il vostro obiettivo è quello di monetizzare con banner Adsense, sappiate che non è permesso! Onestamente chi parte da zero non ha bisogno di guadagnare dal pay per click poiché il sito genera pochissime visite (è cosi almeno per il primo anno).
  • Personalizzazioni grafiche da dimenticare: anche la grafica non si potrà certo stravolgere, bisognerà farsi bastare quello che offre WordPress, a meno che decidiate di acquistare un pacchetto personalizzato che avrà un costo annuale.
  • Non è il massimo dal punto di vista SEO: intendiamoci, potrete scrivere i vostri articoli in ottica seo, ma andare ad avviare una strategia completa, complessa ed efficace risulta essere alquanto difficile.

WordPress.org

Creare blog WordPressAspetti Positivi:

  • Spese limitate: ebbene si, le uniche spese saranno rappresentate dal dominio (Consiglio di sceglierne uno che sia in linea con la tematica principale del vostro sito web) e chiaramente l’hosting (puntate su una soluzione che abbia quantomeno il supporto clienti italiano, il che sarebbe un ottimo punto di partenza)
  • Temi illimitati: avrete proprio l’imbarazzo della scelta, dunque nessuna limitazione e la possibilità di scegliere il tema giusto in una collezione che ne raccoglierà diverse migliaia, sia gratuiti che a pagamento
  • Plugin senza limiti: anche i plugin potranno essere installati senza alcuna limitazione, in questo modo le funzioni saranno molteplici.
  • Si può guadagnare: nessun problema nell’utilizzo di sistemi di affiliazione, come ad esempio Adsense, motivo per cui chiunque potrà iniziare a guadagnare con il proprio sito web.
  • Statistiche a portata di click: utilizzando i giusti plugins potrete anche controllare in tempo reale le statistiche del vostro sito web, insomma, non vi sfuggirà proprio nulla!

Aspetti Negativi:

  • Nessuno: ebbene si, se dovessi trovare qualche punto che mi induca a non utilizzare una piattaforma di questo genere, farei davvero tanta, troppa fatica, semplicemente perché non ce ne sono, l’unico limite potrebbe essere rappresentato da voi stessi e dalle competenze tecniche che vi permettono di  tenere in piedi un certo discorso custom che merita una certa manutenzione periodica

Creare blog WordPress con tema Gratuito o Premium?

themeforestQuesta è un’altra bella domanda, che meriterà sicuramente una risposta; ovviamente, ci riferiamo in questo caso solo ed esclusivamente a tutte quelle persone che decidono di puntare sulla versione offerta da WordPress.org !

I temi sono tanti, potrete scegliere quello che realmente faccia al caso vostro e puntare quindi su una soluzione totalmente gratuita ed una a pagamento, il cui costo varierà da modello a modello, ma cerchiamo di capire alcune differenze e dove reperire un buon numero di temi.

La prima regola è quella di evitare di scaricare i cosiddetti temi pirata, perché:

  1. Sono vulnerabili
  2. Spesso risultano essere incompleti
  3. Rappresenta un reato
  4. Non sono aggiornabili

Perchè un tema WordPress Gratuito?

Innanzitutto consiglio di controllare la sezione temi per scegliere quello adatto, perché:

  • Non costano nulla
  • Ce ne sono tanti, divisi per categorie
  • Per siti poco impegnativi potrebbero funzionare.

Perchè un Tema WordPress Premium?

Temi a pagamento ce ne sono molti, ma la fonte preferita è quella offerta da ThemeForest, perché:

  • Un tema premium costa ma è frutto di una programmazione avanzata;
  • Tante alternative e massima professionalità;
  • Alcuni prevedono anche plugins fondamentali;
  • Sono sempre aggiornabili e sicuri;
  • Quasi il 90% di essi sono SEO Friendly;
  • Migliorano sin da subito il tuo sito web dal punto di vista estetico e funzionale.

Come rendere sicuro il tuo blog WordPress?

wordpress-pluginsIl nostro CMS ha tantissimi punti di forza, ma se parliamo di protezione, dovremo pur sempre impegnarci equipaggiandolo con alcuni plugins che riescono ad offrire un ottimo grado di sicurezza, motivo per cui abbiamo deciso di proporvene qualcuno, quindi fate molta attenzione:

  1. Akismet: immancabile, a nostro avviso non è solo uno dei più conosciuti, ma anche dei più importanti, il cui compito è prettamente quello di andare a bloccare, consentendoci in un secondo momento di eliminare tutti i contenuti di spam.
  2. Better WP Security: niente è sicuro al 100%, ecco dunque il plugin che riesce ad analizzare costantemente il nostro sito web, proponendoci soluzioni ad eventuali problemi che si possono riscontrare.
  3. Wordfence Security: esamina in tutto e per tutto il nostro sito web e ci avvisa se sono presenti alcuni malware potenzialmente dannosi, andando persino a bloccare tutti quelli che sono considerati accessi indesiderati. I controlli avvengono in tempo reale e questo è chiaramente un punto di forza che dovrebbe farci riflettere!
  4. Bruteprotect: riesce a proteggere il sito web da quegli attacchi che necessitano un maggior impegno, indicati con l’appellativo di Attacchi Brutali, impossibile farne a meno.
  5. Rename wp-login.php: grazie a questa estensione si possono fare tante cose utili, come ad esempio il rendere meno visibile l’installazione di WordPress.

Leggi qui la lista dei plugin più usati e consigliati su WordPress, potrebbe tornarti utile!

Creare blog WordPress e renderlo incredibilmente Seo Friendly!

yoast-seoSapevate che la SEO va proprio a braccetto con il nostro caro WordPress? Beh se vi suona come una novità sappiate che con un po’ d’impegno e magari scegliendo una giusta strategia, potrete ottenere ottimi risultati nel tempo.

Iniziate con lo strutturare al meglio il vostro blog WordPress, inserendo pagine specifiche, sezioni ad hoc e che siano inerenti a quello che è l’argomento principale, ma non solo, perché dovrete creare ogni contenuto in modo intelligente, andando ad evidenziare determinate parole chiave, offrendo una struttura semplice ma completa per il lettore, inserendo anche link verso siti web autorevoli!

Per la Seo ci vuole tempo e sacrifici, non possiamo avere la presunzione di ottenere risultati in tempi ristretti, serve anche tanto studio, una corretta pianificazione, ma diviene importante partire sempre con il piede giusto, ecco perché consigliamo di buttare giù ogni articolo facendo una grandissima attenzione, proprio come farebbe Google.

Per semplificarvi il tutto esistono dei plugins che riescono a consigliarvi alcuni suggerimenti per trasformare un semplice contenuto in un qualcosa di realmente utile per il grande pubblico, quindi perché non approfittarne?

Attualmente ce ne sono di diversi (ne parlo qui nel dettaglio), ma il mio preferito resta pur sempre uno:

  • Yoast SEO: la sua installazione è semplice e veloce; sin da subito, nella parte inferiore di ogni pagina e/o articolo, fornisce tutta una serie di consigli per ottimizzarli in base ad una parola chiave scelta. I colori sono importanti, motivo per cui capirete bene che se vi apparirà un pallino di colore verde, significherà che il vostro contenuto può funzionare!

Gli elementi grafici riescono a fare la differenza oppure no?

Ebbene si, gli elementi grafici fanno la differenza, ma cercate di non esagerare, altrimenti non riuscirete affatto ad offrire un messaggio chiaro e preciso, ma solo una marea di elementi che seppur siano belli a vedersi, potrebbero confondere.

Evitate di creare solo testi all’interno di fotografie ad esempio, perché questi analizzati in ottica SEO non sono efficienti, motivo per cui la strategia migliore sarebbe quella di creare testi completi e che riescano ad offrire valore aggiunto, ma al tempo stesso andando ad inserire qua e là anche qualche immagine, il che non guasterebbe affatto.

Per ottenere buoni risultati lavorate di fantasia, utilizzando, se siete pratici, programmi come Photoshop o Gimp, mentre, in alternativa, consigliamo di ripiegare anche su alcune realtà online come ad esempio Pixlr, che ha tanto ben impressionato in questi ultimi tempi, regalando spunti originali ed elementi grafici completamente personalizzabili, senza spendere nemmeno 1 Euro, oppure investendo qualcosina, in base alle proprie necessità e disponibilità economiche.

Ad oggi ci sono tanti servizi che potranno in un modo o nell’altro offrire un valido aiuto, risparmiando tempo e denaro, ma su tutti abbiamo deciso di proporvene ben due che meriteranno senza ombra di dubbio tutta la vostra attenzione, vale a dire:

  • Canva: è un servizio impeccabile, che in un attimo vi trasformerà in veri artisti; potrete utilizzare dei modelli già esistenti e lavorarci su, andando ad eliminare o aggiungere dettagli grafici, così come anche del testo, in grandezze e formati di cui avrete bisogno. Importante è anche la possibilità di creare immagini di copertina per la vostra Pagina Facebook, che come ben saprete, ad oggi è davvero importante da affiancare ad un determinato sito web!
  • Snappa: molto simile al servizio di cui vi ho parlato poco fa, ma a mio avviso per certi versi è ancor più valido, perché le personalizzazioni aumentano e si possono creare belle composizioni grafiche in modo semplice ed estremamente veloce, quindi ragazzi, se volete ottenere qualcosa che possa realmente attirare l’attenzione del pubblico, perché non farci un pensierino?
  • antonio

    ciao mario…complimenti per l’articolo….davvero completo ed efficace! un saluto