Siti web accessibili? Alcuni suggerimenti per non deludere il pubblico!

Siti web accessibili? Alcuni suggerimenti per non deludere il pubblico!

1321
0
CONDIVIDI

Quasi tutti possiedono un sito web, ma non bisogna certo fermarsi a questo, perché l’obiettivo principale sarà quello di renderlo completo sotto tutti i punti di vista e chiaramente accessibile a tutti. L’accessibilità dei siti web a volte è un argomento poco chiaro per tante persone, non solo per il suo significato vero e proprio ma soprattutto su come ci si dovrà comportare per far si che il proprio sito web risponda a determinati requisiti e riesca a soddisfare un pubblico sempre più vasto.

Il consiglio principale sarà quello di focalizzare l’attenzione su questi 8 punti:

  • Le immagini sono importanti: non fermiamoci solo ed esclusivamente all’elemento grafico tradizionale, ma abbracciamo anche le animazioni, che una volta inserite sul proprio sito web, dovrebbero utilizzare non solo l’attributo ‘ alt ‘ che avrà come scopo quello di descrivere ogni elemento grafico, scegliendo parole chiave specifiche, che siano strettamente collegate ma anche una descrizione dell’elemento stesso che possa permettere a non vedenti di capire ciò che il browser visualizza.
  • Le mappe: il consiglio è quello di creare una pagina informativa su chi siete o sull’importanza del prodotto e/o servizio che offrite, andando anche ad inserire una mappa Google, che rispecchierà i parametri di accessibilità se conterrà un elemento alternativo alla mappa stessa (esempio una descrizione).
  • Elementi multimediali ben ottimizzati: quando parlo di ottimizzazione riferendomi ad elementi come filmati oppure audio, intendo dire che ognuno di essi dovrà prevedere una gran bella descrizione, che sia completa, ma al tempo stesso ben mirata ed a tema!
  • Occhio ai collegamenti ipertestuali: come ben saprete questi non possono mancare, sono un punto di forza in ogni pagina del vostro sito web, ma il mio consiglio è quello di inserirne alcuni, senza esagerare, proprio all’interno del testo, in determinate parole chiave, andando dunque ad eliminare diciture poco consone, come il classico ‘ clicca qui ‘, sarebbe un errore semantico da non commettere. Anche la navigazione da tastiera è importante
  • Organizza al meglio la tua pagina: creare una pagina è difficile a volte se non si ha a mente un percorso da seguire e quali elementi andranno inseriti; consiglio di utilizzare liste, proprio come sto facendo adesso, ma al tempo stesso senza mai dimenticare di offrire al lettore una struttura chiara. Se siete esperti potrete anche personalizzare il layout ed il CSS.
  • I grafici: sono anch’essi elementi che rendono i siti web accessibili se dotati di ampia descrizione alternativa, inoltre forniscono un messaggio visivo ben chiaro, che se creato al meglio, può colpire la mente del lettore.
  • Script e Plugins: se utilizzate WordPress, i Plugins potrebbero darvi una grossa mano, andando in un attimo ad implementare funzioni particolari, che riusciranno ancor più a migliorare l’esperienza dell’internauta, rendendo anche piacevole la permanenza sul vostro sito web. Per quanto si tratti di elementi utili ed incredibilmente unici nel loro genere, essi potrebbero appesantire il sito web, rallentando il caricamento della pagine e non restituendo al lettore, in modo immediato, quel che stava cercando, motivo per cui non abusatene mai!
  • Il controllo finale: questa fase è un must che ci aiuterà a capire se stiamo procedendo nel modo giusto; per farlo potrete puntare su alcuni strumenti di verifica; essi sono molto importanti, si differenziano l’uno dall’altro e ne parleremo nella sezione successiva!

Alla scoperta dei tools di verifica per siti web accessibili!

tools-accessibilitaCome accennato in precedenza, i tools vengono utilizzati nella fase finale, per capire se il nostro intervento sul sito web stia avvenendo nel modo giusto o se occorrerà apportare dei miglioramenti al fine di rendere il tutto estremamente perfetto. Ho deciso di segnalarvi qualche tool per il controllo accessibilità siti web, quindi in base a quella che sarà la vostra categoria, avrete un vero punto di riferimento e potrete farne un buon utilizzo!

Riguardo alle validazioni automatiche vi aiuterò con la XHTML, CSS, RSS e WCAG.

Tools per validazioni XHTML:

  • W3C: uno dei tools più utilizzati di sempre, non solo perchè risulta incredibilmente semplice da utilizzare, ma anche perchè estremamente affidabile!
  • Total Validator: un tempo questo tool si poteva eseguire tranquillamente online; la sua comodità non si discute, ma da un po’ di tempo ormai bisogna scaricare prima il software e poi eseguirlo, ad ogni modo lo consiglio vivamente.
  • Site Valet: il suo funzionamento è semplicissimo, basterà inserire l’indirizzo del sito web che si vuole controllare ed il gioco è fatto.

Tools per validazioni CSS:

  • W3C: anche in questo caso il tool in questione si fa trovare pronto ad offrire un valido aiuto e per utilizzarlo sarà molto semplice, basterà inserire il link da analizzare, direttamente in quello che è il form dedicato.

Tools per validazioni RSS:

  • W3C: immancabile come sempre, provare per credere!

Tools per validazioni WCAG:

  • Wave: forse non tutti lo sanno che in questo caso stiamo parlando di controllo siti web accessibili ai diversamente abili ed il tool in questione non solo è incredibilmente affidabile, ma la sua interfaccia grafica lo rende unico nel suo genere ed estremamente efficace.
  • Acheeker: anche questo tool non delude le aspettative e focalizza la sua attenzione sui colori ad esempio, dunque non solo su quelli di testo, ma anche dello sfondo, inoltre, non va certo dimenticato che all’utente viene offerta la possibilità di andare ad eseguire diversi test!

Siti web accessibili e standard W3C

tasso-conversione-mobileLa maggior parte dei siti in circolazione hanno come punto di riferimento gli standard W3C, questo perché essi stabiliscono un linguaggio comunicativo tra tutti i dispositivi che hanno la possibilità di accedere ad Internet, senza dimenticare nemmeno i dispositivi che lavorano in perfetta mobilità, come ad esempio smartphone e tablet. E’ chiaro che l’accessibilità conosce nel tempo dei costanti miglioramenti, motivo per cui cercate sempre di restare aggiornati sull’argomento e puntate con decisione sui tools che abbiamo deciso di consigliarvi, perché ad oggi risultano essere tra i più completi ed affidabili, senza dimenticare di migliorare costantemente il vostro sito web, andando ad introdurre elementi che potranno in un modo o nell’altro fare realmente la differenza.

Siti web accessibili per le pubbliche amministrazioni

Legge Stanca Pubbliche AmministrazioniQuando realizziamo un sito web tradizionale, non siamo costretti a renderlo accessibile seguendo le regole in vigore attualmente, chi è costretto a farlo, invece, vorrà dire che starà realizzando un portale per pubbliche amministrazioni o per aziende concessionarie di servizi pubblici.

E’ un argomento molto complesso e articolato, se sei interessato ad approfondire il discorso, ho realizzato delle slide che possono esserti d’aiuto dal punto di vista tecnico e soprattutto farti capire come è possibile realizzare siti web moderni rispettando la legge stanca per l’accessibilità in Italia.